Accessori cucina

Guardini. Stampini devorativi in acciaio o silicone

Guardini. Stampini devorativi in acciaio o silicone

MADELEINE. Piccolo, soffice, delicato biscotto di pasta friabile a base d’uovo, burro, zucchero e farina. Una classica specialità francese, in particolare dell’Alsazia, la cui originaria elementare preparazione risalirebbe al lontano ‘700.  Un biscotto “storico”, che da oggi è possibile preparare grazie ai tipici stampini decorativi in acciaio o in silicone a forma di conchiglia di Guardini.

La cronaca del tempo ricorda che al re di Polonia, Stanislao Leszczynski, ospite del genero re Luigi XV, furono servite, confezionate per la prima volta da una vecchia cuoca (Madeleine Paulmier, da cui il nome del biscotto) delle madeleines delicatamente profumate di arancia e bergamotto, golosità molto apprezzate alla corte di Versailles.

Il biscotto è famoso anche perché lo scrittore francese Marcel Proust, nella suo libro “A la recherche du temps perdu” (Alla ricerca del tempo perduto), lo cita nel primo capitolo. Il protagonista assaporando una tazza di the nella quale è inzuppato un dolce molto particolare, corto e gonfio che si chiama “madeleine”, tocca uno stato di felicità e di estasi, “nella rievocazione” dei ricordi della propria infanzia.

Vi suggeriamo di provare la ricetta delle “madeleines al cioccolato” negli stampi Guardini:

Ingredienti (per 4 persone):
100 gr di cacao amaro. 200 gr di farina. 4 uova. 200 gr di burro. 200 gr di zucchero. burro e farina per gli stampi. un pizzico di sale

Sbattete le uova e lo zucchero in una terrina e riscaldandole a bagnomaria, a fuoco molto basso. Togliete la terrina dal fuoco e dal bagnomaria. Unite il burro a fiocchetti e mescolate con una spatola. Continuando a mescolare, aggiungete la farina setacciata un po' per volta. Unite anche il cacao. Mescolate fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo. Prendete due stampi da madeleine, imburrateli e infarinateli. Versate un cucchiaio di composto in ciascuna cavità e livellate. Cuocete in forno caldo a 200° per circa 15 minuti.


comments powered by Disqus