Architetti e designer

Antonia Astori

Antonia Astori - Antonia Astori nasce a Melzo (Milano) nel 1940. Si laurea in Industrial e Visual Design all’Athenaeum di Losanna nel 1966. Dal 1968 collabora in qualita’ di designer con l’azienda italiana Driade; realizza importanti progetti di sistemi e di mobili intesi come “architetture da camera” e contribuisce a definire l’immagine aziendale con allestimenti ed esposizioni.  Nei progetti dei sistemi, che concepisce come “opera aperta” alla cui definizione finale puo’ contribuire il fruitore, analizza le potenzialita’ formali.

  Negli allestimenti, realizzati per manifestazioni fieristiche, negozi e showroom, evidenzia le qualita’ espressive e le applicazioni d’uso dei prodotti.

All’attivita’ di designer affianca quella di architetto d’interni con progetti per abitazioni, uffici, showroom, negozi. In questo ambito assume particolare rilievo la collaborazione con gli stilisti francesi Marithe’ e François Girbaud per la progettazione di negozi a Parigi e in altre citta’ di tutto il mondo, la realizzazione del progetto per uffici e showroom della fabbrica Driade e i molti negozi daDriade.  Il ruolo di Antonia Astori sulla scena nazionale e internazionale si completa con la presenza a importanti eventi, da un’iniziale, ma indimenticata, Eurodomus a Torino nel 1971, sotto l’egida di Gio Ponti, alla mostra “Design Donne” nel 1985 a Tokyo, alle numerose partecipazioni in Triennale cosi’ come a Verona per “Abitare il tempo”. E infine, nel 2006, alla Mostra “Il Cosmo Driade: Immagine del Design Italiano” al Museo “Die Neue Sammlung” di Monaco. Su di lei hanno scritto numerosi critici tra cui ricordiamo Renato De Fusco (Il gioco del Design, Electa, 1988), Vanni Pasca (Pioneers of product design, Creo Corporation-Tokio, 1994), Fulvio Irace (Driade Book, Skira, 1995), Benedetto Gravaguolo (Antonia Astori designer, Lam, 1983), Marco Romanelli (“Antonia Astori ovvero le parole del progetto”, D.E, 2, aprile 1996).

Sito ufficiale:
Astori De Ponti
www.astorideponti.it

comments powered by Disqus