Caminetti e stufe

Camino MCZ in acciaio e pietra in una casa rurale

Camino MCZ in acciaio e pietra in una casa rurale

Lo Studio di Architettura Morra Moretti di Assisi (PG) ha realizzato un progetto comprendente un camino bifrontale in acciaio e pietra in una casa rurale, seguendo la richiesta del cliente di inserire un camino che separi il salotto dalla cucina nella ristrutturazione di una casa rurale e che racchiuda in sé sia l'anima moderna che quella tradizionale e conservatrice.

Per soddisfare entrambe le necessità del cliente, il progetto, ideato dallo Studio di Architettura Morra Moretti assieme a MCZ, è partito dalla scelta di un rivestimento in pietra, tipico della tradizione rurale, rivisitato in chiave contemporanea e di design.

Innanzitutto è stata studiata la forma: il camino è costituito da due parallelepipedi, forme essenziali e monolitiche, in linea con le tendenze attuali. Per enfatizzare il gusto contemporaneo è stata scelta una canna fumaria in acciaio satinato, che corre per tutta la doppia altezza dell'ambiente e assume una forte valenza estetica, soprattutto con l'illuminazione artificiale. Da non sottovalutare inoltre che la scelta della canna fumaria è stata fatta anche per esigenze del cliente di tipo funzionale, poiché insieme al camino contribuisce a riscaldare l'ampio ambiente circostante e il piano superiore ricavato dal soppalco.

Il prodotto utilizzato è stato il termocamino MCZ bifrontale a legna FORMA B95

CORDE ARCHITETTI è stato fondato nel 2003 da Alessandro Santarossa e Giovanni Scirè Risichella, ha sede in un edificio riconvertito nel porto industriale di Venezia. La filosofia di lavoro dello studio si imposta su di un contrasto interno: la verticalità dell'organizzazione e l'orizzontalità dell'approccio progettuale. I compiti ed i ruoli, essenziali nelle diverse fasi, si azzerano completamente nello sviluppo del progetto con la volontà di creare una piattaforma comune di discussione. La ricerca dello studio si radica su questo intreccio di responsabilità e attitudini.

comments powered by Disqus