Cucina

Cucine e bagni Twenty di Modulnova al Salone del Mobile 2009

Cucine e bagni Twenty di Modulnova al Salone del Mobile 2009

Modulnova ha presentato al Salone del Mobile la collezione di cucine e bagni Twenty, che si distinguono soprattutto per l'alta qualità dei materiali impiegati, fra cui la Kerlite ed il Corian.

La Kerlite è uno speciale materiale con caratteristiche davvero uniche, che ben si adattano alle necessità di una cucina. Più resistente della pietra, ma più leggera dell’alluminio e più duttile della ceramica, la Kerlite assume il ruolo di protagonista della collezione Twenty, dando vita a cucine e bagni davvero particolari.



Questo materiale eccezionale è infatti usato non solo per i piani, ma anche per pensili ed ante, in una combinazione del tutto innovativa.

Anche il Corian, altro materiale di grande qualità, è sfruttato in modo egregio da Modulnova. Il Corian è utilizzato soprattutto per piani e lavelli, ma anche in questo caso la collezione di bagnie  cucine Twenty ne fa uso anche per contenitori e complementi, così da donare alla cucina un aspetto unico ed uniforme che evoca solidità e resistenza al trascorrere del tempo.

Per quello che riguarda i materiali più tradizionali, Twenty utilizza una tecnica di impiallacciatura per il legno definita "in bilia", capace di conferire ai mobili eleganza ed unicità, come se ogni sua parte fosse stata concepita, progettata e realizzata dall’estro creativo e dalle mani sapienti di un artigiano. I rivestimenti delle ante, infatti, sono realizzati con l’utilizzo di un supporto tamburato leggero al quale vengono applicati i vari pannelli di finitura provenienti da un unico blocco di legno e numerati in sequenza. In questo modo le lastre, accostate una dopo l'altra, riproducono in maniera fedele le “fiammature” originali del legno creando così un effetto particolare e completamente naturale.

Ogni singolo mobile è così un pezzo unico ed irripetibile, originale ed esclusivo, creato su misura ed ispirato alla naturalità del materiale da cui è ottenuto.





comments powered by Disqus