Cucina

Cucina Orange di Snaidero, nuove vesti colorate

Cucina Orange di Snaidero, nuove vesti colorate

Novità per la cucina Orange di Snaidero, che adesso si presenta sul mercato con nuove vesti colorate che la rendono ancora più allegra ed adatta ad un pubblico giovane. Le linee sono semplici e pulite, adatte per un loft o un piccolo appartamento, ma anche per un'ampia cucina di una casa più importante. Dietro al design essenziale però troviamo un'elevatissima qualità dei dettagli, con una grande ricchezza di particolari, funzionali ed estetici. Orange di Snaidero è una cucina dove il il tratto distintivo è rappresentato dal “segno” di continuità tra un elemento e l’altro, con la gola nella struttura.



Nelle colonne la gola si sviluppa in un continuum verticale a tutta altezza. La pulizia estetica si deve alla scelta di una maniglia a scomparsa in lega di alluminio verniciato, che, inserita sul bordo superiore delle ante delle basi e sul bordo verticale delle ante delle colonne, garantisce un’apertura confortevole ed ergonomica.

Grande attenzione in questa cucina è stata data anche alle proporzioni: il piano di lavoro e i fianchi sono realizzati in uno spessore armonico (1,3 cm) e valorizzano il carattere unitario e rigoroso della cucina. Il piano di lavoro esteticamente leggero ed elegante, in realtà ha uno spessore complessivo di 4,3 cm per garantire tutti i presupposti di solidità e funzionalità di un progetto di qualità.

Alla leggerezza formale di piano e fianchi fa da contrappeso anche lo spessore a 22 mm dell’anta e i 19 mm del fusto: nel complesso spessori, spigoli smussati, ed ergonomici e altezza di impugnatura ottimale garantiscono un’apertura pratica di cassetti, cestoni ed ante.

Ma la cucina Orange di Snaidero punta soprattutto sulla sua concezione tecnica, con un sistema progettuale compatto e concentrato, focalizzato su elementi mirati sui quali è possibile una straordinaria flessibilità compostiiva. La cucina Orange elimina il concetto di “fuori misura”, consentendo di lavorare con basi, pensili e armadi letteralmente con uno standard “a misura”. Ciò permette lo sviluppo di infinite soluzioni compositive con una grande valorizzazione del contenimento grazie alla flessibilità in altezza e larghezza dei mobili che non spreca spazi, anzi li sfrutta al massimo.

Le colonne possono contenere ogni tipo di elettrodomestico da incasso essendo lo sviluppo delle ante flessibile. Ciò garantisce un elevato grado di variabilità in base alle esigenze oltre alla possibilità di realizzare ante intere a piena altezza.

Lo schienale è stato attrezzato con una serie di esclusivi accessori volti a migliorare la qualità dell’operatività in cucina: piccole soluzioni per grandi comodità. Un’elegante mensola sottopensile in legno frassino (disponibile anche in laccato bianco) è stata progettata per alloggiare una serie di accessori funzionali all’operatività domestica e non: dalla macchina per il caffè all’elemento porta lettere, dalla lavagna magnetica ad una moderna stazione multimediale altamente integrata con la cucina.

Soluzioni intelligenti anche rispetto alle nuove necessità quotidiane, con soluzioni “differenziate” per l’organizzazione e la gestione dei rifiuti domestici (attrezzaggio sottolavello e in aggiunta basi progettate ad hoc da 45 o da 60 con 4 o 2 contenitori per rifiuti).

Parlando di materiali, la cucina Orange utilizza legno ecologico proveniente da riserve certificate dal Forest Stewerdship Council (FSC) che stabilisce un giusto equilibrio tra taglio e piantumazione. Utilizza trattamenti di verniciatura basati su prodotti a base di acqua che riducono drasticamente la presenza di solventi sintetici ed eliminano del tutto quelli aromatici considerati fortemente cancerogeni. Ma soprattutto adotta un nuovo pannello low emission di particelle di legno di spessore 19 mm, a bassissima emissione di formaldeide con emissione drasticamente ridotta a meno della metà dello standard europeo E1, nobilitato con resine melaminiche per ottenere un'alta resistenza all’abrasione e facilità di pulizia.


comments powered by Disqus