Domotica e allarmi

Patrol Aprimatic, nuova barriera stradale elettromeccanica

Patrol Aprimatic, nuova barriera stradale elettromeccanica

Aprimatic presenta Patrol, la nuova barriera stradale elettromeccanica a bassa tensione per passaggi veicolari da 2 a 4,5 metri.

Progettata per un uso intensivo, con frequenza di utilizzo 80%, Patrol è adatta al controllo di accessi veicolari per piccoli/medi parcheggi ad uso privato e industriale.

Il suo sistema di pre-rallentamento di sicurezza evita stress meccanici in caso di errori di programmazione e garantisce la durata nel tempo della barriera.

La resistenza è assicurata inoltre dalla struttura in metallo con telaio portante, mentre per garantirne la sicurezza, Aprimatic ha previsto un comodo sistema di sblocco a chiave personalizzata.

Con un tempo max di apertura di 5 secondi, Patrol è caratterizzata dal movimento fluido e armonico garantito dal sistema di bilanciamento con molla a compensazione.

Patrol è facile da montare e programmare; la sua installazione infatti prevede soltanto il bilanciamento della molla a compressione, specifica per ogni lunghezza dell’asta, mentre la centralina di comando, posizionata nella parte superiore della  barriera e alloggiata in un contenitore plastico protettivo, consente all’installatore di programmare l’operatore comodamente, mantenendo posizione eretta.

La facilità di programmazione è inoltre garantita dall’avanzata centralina elettronica, che non necessita di programmazione per l’utilizzo di base, mentre per utilizzi più complessi risulta di facile ed intuitivo utilizzo grazie all’apposito display di cui è dotata. 

Per l’utilizzo di doppia barriera contrapposta, Patrol è inoltre predisposta per la modalità "master-slave".

La barriera è compatibile con i profili standard Aprimatic da 90x25 millimetri e con aste tonde di diametro 80 millimetri. Č possibile attrezzare l’asta con moduli siepe, piede a pendolo, forcella. Gradevole e moderna nel design, la barriera è caratterizzata dal cover plastico e dal lampeggiatore integrato.

comments powered by Disqus