Pavimenti e rivestimenti

Slimtech Arenaria di Lea Ceramiche, grande formato in soli 3 mm

Slimtech Arenaria di Lea Ceramiche, grande formato in soli 3 mm

Slimtech è la collezione di Lea Ceramiche che comprende grandi lastre in gres porcellanato con uno spessore di soli 3 mm, per un formato fino a ben 300x100 cm. Da oggi i pavimenti e rivestimenti Slimtech si arricchiscono della versione Arenaria, che offre una gamma di colori caldi che si aggiungono agli esistenti Basaltina Stone Project e Mauk, quest'ultima disegnata da Diego Grandi.

Le mattonelle oversize di gres porcellanato Slimtech sono disponibili sia per rivestimenti a muro che per pavimenti di ambienti domestici o spazi pubblici, con un’ampia gamma di formati utilizzabili per ogni tipo di realizzazione.

I rivestimenti Slimtech si possono impiegare anche in pareti ventilate o in adesione, in pareti divisorie, ante, armadi, porte, piani cucina e top da bagno. Disponibile anche nelle versioni “rinforzate”, plus – twin, la lastra Lea Slimtech rende semplice ed economico il rinnovo degli ambienti, visto che non è necessario demolire la  vecchia superficie da rinnovare: Sovrapponendo semplicemente le lastre si accorciano i tempi di installazione, non si producono detriti e rifiuti e si risparmia denaro.

Lea Slimtech è il frutto di una speciale tecnologia di compattazione del gres porcellanato, che permette di ottenere un prodotto completamente nuovo, resistente, leggero, flessibile, duttile e versatile. A partire da un’accurata selezione delle materie prime, macinate ad umido e trasformate in granulato, si prosegue con la compattazione su un tappeto con una forza di 15.000 tonnellate. Le lastre così ottenute vengono sinterizzate a 1200° mediante cottura in forni elettrici.

Formati in cm (spessore mm 3): 300x100, 100x100, 100x50, 50x50, 0,49x100; spessore plus: 300x100, 100x100, 100x50, 50x50; spessore twin: su richiesta. A completare la collezione Slimtech Arenaria, il decoro Bamboo (100x50) e i mosaici Quadro, Mattone, Striscia, Listello.





comments powered by Disqus